Il Coglione 2.0

da Il Meglio di Internet

“A Milano viene aperto un nuovo bar la cui principale caratteristica è un barman che indovina il drink in base al QI.
Arriva un primo avventore, e il barman robot analizza un QI di 150. Scaraffa un Merlot, ne versa un bicchiere e si mette a conversare di economia, cambiamenti climatici, filosofia della morale.
Arriva un secondo avventore, e il barman analizza un QI di 80. Spilla una birra e si mette a parlare di calcio, figa e motori.
Arriva il terzo avventore, e il barman analizza un QI di 30. Infila una cannuccia in un cartone di tavernello, si fa un cappello di carta stagnola e fa: “Allora, si Vota Grillo anche stavolta eh?” “

Con Berlusconi passare per grandi statisti era semplice. Bastava non essere d’accordo con lui. Una volta eliminato il Silvius Pater Peccatorum, il re è nudo. E il grillo è parlante, ma purtroppo dice stronzate.

Il Grillo parlante. Voi vi fidereste di un pene che canta? Il principio è quello.
Grillo racconta esattamente ciò che il popolino vuole sentire.
Ai tempi di Berlusconi erano i milioni di posti di lavoro, l’abolizione dell’ICI, il presidente operaio che capisce gli operai e il presidente imprenditore che capisce gli imprenditori, con quel leggero afrore di figa in sottofondo che non spiace mai a nessuno.

Come il Silvio tuonava contro le toghe rosse e le intercettazioni persecutorie, Grillo ha creato il mito dell’informazione controllata, in maniera da escludere qualsiasi fonte che non sia egli stesso o qualcuno che gli dia ragione, creando un fenomeno di proselitismo isterico tale per cui un fotomontaggio creato dal gruppo del suo MoVimento Riminese fa il giro d’Italia raccogliendo indignazione e rabbia. Il principio, comunque, è quello del Paese dell’Altrismo. Con Berlusconi la colpa era dei comunisti, con Grillo i “poteri forti”. Non esiste il concetto di esame di coscienza.

All’inizio il Profeta Grillo ha presentato il Movimento 5 Stelle esibendo presupposti che hanno tratto in inganno proprio la parte di elettorato più esasperata dai giochi di potere della politica e dei suoi addetti, puntando esattamente su un’immagine di pulizia e di trasparenza. Il fatto è che coloro che davvero possiedono maggior capacità di discernimento si sono ben presto accorti dell vello d’agnello che, in realtà, non faceva altro che dissimulare un lupo. Così, i Fedeli del Movimento ora sono i Coglioni 2.0: i complottisti, quelli che suggeriscono di fare sciopero degli automobilisti e se per caso ti serve la macchina urgentemente al massimo al massimo provare a pisciare nel serbatoio (se sei una donna, aiutati con un imbuto), i vegani, quelli che pensano che il pagamento elettronico sia incoraggiato solo per arricchire ulteriormente le banche, quelli che si bevono ogni scarica di diarrea cagata da Informare per Resistere, gli studenti di Scienze Politiche, quelli che qualche anno fa pensavano che Berlusconi fosse un brav’uomo con i capelli disegnati sulla testa che faceva il bene delle famiglie e trovava lavoro a ragazzine extracomunitarie.
Orde di persone ignoranti, e per questo spaventate, manovrate come pecore credono a boiate internazionali come il signoraggio di Giacinto Auriti, le scie comiche, i chip di controllo mentale e gli assorbenti con le ali. Proprio coloro che credono di essere INFORMATY e per questo protetti dal controllo delle menti diventano i veri burattini, manovrati da chi, indubbiamente, si sta facendo grasse risate di fronte alla boccalonaggine infinita dei nostri Coglioni 2.0 .
Grillo fa demagogia e populismo nè più nè meno di Berlusconi, solo che quella del primo si basava su illusioni e figa, quella di Grillo fa leva sul senso di ribellione e sul piacere di “mettersi contro”.

A questo punto, vista la ciclicità degli eventi, inizio ad avere un dubbio: sono davvero i politici ad essere così laidi come sembrano, o sono gli italiani ad essere ancora più imbecilli di quello che si pensa? Siamo proprio sicuri di voler condannare del tutto chi, in fondo, non fa altro che accontentare il bisogno del somaro di essere bastonato?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...