Come costruire un movimento che non cada a pezzi dopo due giorni

di Alessandra Daniele
Pubblicato il 07/07/2013 in “Schegge taglienti”

La crisi peggiora, ma i cacciabombardieri autoesplodenti F35 da 150 milioni di euro ciascuno saranno acquistati comunque, su ordine – sia commerciale che gerarchico – di Giorgio Napolitano, in attesa che gli USA ci ordinino chi cacciabombardare.
Il M5S ha protestato chiedendo udienza al presidente, che ha risposto “vi chiamo io”. Grillo è partito per le vacanze. I grillini hanno quindi restituito allo Stato un milione e mezzo di euro decurtato dai loro stipendi, col quale lo Stato potrà pagare un bullone d’un cacciabombardiere.
L’Italia ha disperato bisogno di un’opposizione che sia capace di fare qualcosa di meglio. Espellere sistematicamente tutti i dissidenti è la pratica più autodistruttiva che un movimento possa intraprendere, ma non è l’unico errore strutturale che l’implosione del M5S ci sta coreograficamente ricordando di evitare.

Qualcuno si suicida e qualcuno si gode le vacanze in Sardegna

– C’è una differenza fra il porsi obiettivi ambiziosi, e inseguire deliri da Dr. Evil. ”Prenderemo il 100%” sarà anche buona come iperbole galvanizzante da comizio, ma aspettare di prendere davvero il 100% o simili per agire è da dementi. Un leader che prometta certe maggioranze bulgare, perdipiù decretandole condizione indispensabile per ogni significativa azione concreta, è in malafede, o deragliato, o entrambe le cose.

– Seguire un capo carismatico significa legarsi al suo destino, nel bene e nel male, per sempre. Approfittare della sua popolarità, ma anche pagare il prezzo dei suoi errori prima e più di lui, saltando come fusibili ad ogni corto circuito, condannarsi al gregarismo eterno, fargli da scudi umani, e all’occorrenza finirne divorati come i figli del conte Ugolino. Abbiamo parecchi esempi, storici e contemporanei, il più emblematico è ovviamente Berlusconi. In sintesi, seguire un capo carismatico significa diventare Alfano.

– Credere che i dilettanti, inesperti e senza ideologie, siano per questo stesso più affidabili dei professionisti è una pericolosa illusione. Sono proprio i miracolati dalle elezioni quelli più disposti a cambiare maglia pur di sfruttare un’occasione che sanno irripetibile. E hanno anche le loro ragioni. La mancanza di un’ideologia comune rende poi  il gruppo ancora più friabile, e permeabile.

– È importante scegliere bene e capire fino in fondo le metafore che si adoperano come arma dialettica. La Zombie Apocalypse è suggestiva, ma è per sua stessa natura un’allegoria a doppio taglio, fin dalla sua nascita, nel capolavoro di Richard Matheson ”I am Legend”. Infatti prima o poi, nel corso di praticamente qualsiasi zombie movie o serie, i sopravvissuti finiscono per dimostrarsi ugualmente disumani, se non peggiori dei morti viventi. La sparizione della differenza ”tecnica” fra vivi e morti serve a spostare il discrimine sul piano dell’etica, dov’è già quello fra umani e androidi.

Di solito il primo dei sopravvissuti a rivelarsi peggiore degli zombie è il leader apparente. Poi il gruppo si divide, e finisce sbranato. Come pare succederà al M5S.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...